A Theory of Rational Addiction. Journal of Political Economy, 1988 Cerca con GoogleBecker Gary S. Habits, Addictions, and Traditions. I was rushed to the military doctor who stitched up my hand, and used to come over every day to dress my wound. Ofcourse my father always sent a carrige to fetch him. My brother Joe used to watch for them coming and would grab me and run and hide me, and when the doctor arrived they had a devil of a job to find me..

Crediamo di conoscere i metodi repressivi degli afrikaner nei confronti della popolazione autoctona e maggioritaria ma questo film ci offre altri aspetti aberranti di quell’azione fino all’ultima inquadratura. Quella che conoscevamo meno è l’ala militare del Movimento, il rapporto che Mandela aveva con essa e quanto contasse nelle sue azioni e progetti l’ideologia marxista. In questo film che ha la struttura classica del cinema processuale tutti questi elementi vengono messi in gioco.

The Sun (2012)Dress with lemon juice, olive oil and honey. The Sun (2015)She wasn’t used to being called honey by virtual strangers. Times, Sunday Times (2009)Drizzle 1 tsp of runny honey over it. E da ultimo, ai tanti segnali della crisi in atto viene ad aggiungersi lo spaventoso scandalo degli abusi commessi da membri del clero su migliaia di bambini e adolescenti, negli Stati Uniti, in Irlanda, in Germania e altrove; e a tutto questo si accompagna una crisi di leadership, una crisi di fiducia senza precedenti. Non si può sottacere il fatto che il sistema mondiale di occultamento degli abusi sessuali del clero rispondesse alle disposizioni della Congregazione romana per la Dottrina della fede (guidata tra il 1981 e il 2005 dal cardinale Ratzinger), che fin dal pontificato di Giovanni Paolo II raccoglieva, nel più rigoroso segreto, la documentazione su questi casi. In data 18 maggio 2001 Joseph Ratzinger diramò a tutti i vescovi una lettera dai toni solenni sui delitti più gravi (“Epistula de delictis gravioribus”), imponendo nel caso di abusi il “secretum pontificium”, la cui violazione è punita dalla la Chiesa con severe sanzioni.

La sceneggiatura del film, scritta da Michael Hirst e William Nicholson, sceglie di puntare l’attenzione sulla cosiddetta “età d’oro” di Elizabeth e di suddividere la trama in due distinte sezioni. Da una parte ci viene illustrato il contesto storico politico dell’Europa di quegli anni, quando la Regina è costretta a destreggiarsi fra le oscure cospirazioni ordite da Filippo II di Spagna (Jordi Mollà), che grazie all’appoggio della Chiesa di Roma punta ad eliminare l’odiata avversaria e a ripristinare il cattolicesimo in Inghilterra. Dall’altro lato, invece, assistiamo alla vita intima e privata di Elizabeth, impegnata a conciliare la sua identità di donna con le responsabilità derivatele dalla corona che indossa; e così, mentre la sua bellezza comincia a sfiorire, la sovrana si scoprirà innamorata dell’intrepido Walter Raleigh (Clive Owen), ma deciderà di sacrificare i propri sentimenti per consacrarsi completamente al servizio dello stato.