Non è la sola lettera in cui Dostoevskij parla del suo incessante bisogno di denaro e del fatto che i suoi romanzi sono stati scritti sotto questa impellenza: ” Sempre per tutta la vita io ho lavorato per coloro che mi davano del denaro in anticipo. Dal punto di vista economico non è certo un bene, ma che farci? vendevo soltanto quando l poetica era già nata ho mai preso denaro fondandomi sul vuoto ( lettera allo scrittore Strackov del…